Blog: http://eldas.ilcannocchiale.it

A proposito di vitalizi...

Non posso certo lamentarmi di come mi ha trattato lo Stato italiano, visto che dopo 30 anni di contribuzione mi ha consentito di andare in pensione a 53 anni con 1020 euro di pensione netti al mese.
Sono stata fortunata, perchè quando non mi è stato più possibile continuare a lavorare per problemi di assistenza in famiglia, ho potuto dimettermi e prendere subito il mio assegno mensile. Per questo  mi sento in debito con la società, visto che attualmente le regole sono molto cambiate, e per questo cerco di sdebitarmi facendo volontariato in svariati modi.

Non tutti però hanno la stessa sensibilità e in queste ore si sentono commenti veramente strampalati, da parte di alcuni parlamentari, circa la proposta di legge in discussione al Parlamento sul  ricalcolo dei vitalizi.

Ma diciamolo sinceramente: può essere un diritto acquisito un vitalizio dopo pochi mesi di contribuzione? Può essere un diritto acquisito percepire a vita assegni stratosferici decisi dai parlamentari stessi senza tener conto dell' incidenza sul bilancio dello Stato? Come mai non si è parlato di diritti acquisiti quando con la legge Fornero migliaia di persone si sono trovate senza lavoro e senza pensione?

E diciamo pure che con il ricalcolo nessuno degli ex appartenenti alla CASTA si troverebbe ridotto in povertà

Pubblicato il 26/7/2017 alle 7.58 nella rubrica politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web